Crea sito

Rotoli di Qumran

Cosa sono i Rotoli di Qumran?

I MANOSCRITTI DI QUMRAN o ROTOLI DEL MAR MORTO sono circa 900 documenti, testi della Bibbia Ebraica, ritrovati nel 1947 in 11 grotte sulla riva nord-occidentale del Mar Morto. Sono scritti in ebraico, aramaico e greco, per lo più su pergamena, solo alcuni su papiro ed erano contenuti in giare di terracotta. Questi manoscritti si fanno risalire ad un periodo che va tra il 150 a.C. e il 70 d.C e quindi sono stati scritti al tempo di Gesù.  Sono i testi più antichi della Bibbia e perciò importantissimi dal punto di vista religioso e storico. Il loro valore è inestimabile! 

La nostra attività è partita dalla conoscenza del ritrovamento dei Rotoli a Qumran da parte di un pastorello alla ricerca della sua capra. Tutti i testi di IRC propongono questo argomento. Dopo la lettura e la comprensione del testo, abbiamo osservato alla Lim tante foto delle grotte di Qumran, del Mar Morto e dei rotoli ritrovati. Siamo rimasti affascinati dagli archeologi che li trattavano e li esaminavano alla ricerca del loro mistero.

Abbiamo visto questo breve filmato:

Realizziamo i rotoli

IMITIAMO LA CARTA INVECCHIATA

Ho riempito una pentola con diversi caffè lunghi, di quelli che noi napoletani non berremmo mai :-) e vi ho inserito 7-8 fogli di carta A4. Non mi sono preoccupata di stropicciarli, anzi la loro irregolarità aumenterà l'effetto invecchiamento. Li ho lasciati inzuppare per qualche minuto controllando lo stato della carta ed evitare che un tempo troppo prolungato nel caffè la sbriciolasse.

Se si volessero colorare più fogli basterà aumentare la quantità di caffè nella pentola. 

Quando la carta mi è parsa inzuppata e colorata al punto giusto, ho estratto i fogli e li ho fatti colare sul lavello. Carta, acqua e caffè sono prodotti naturali e non devono destare preoccupazione dal punto di vista dell’igiene.

Sono passata all'asciugatura. Può avvenire in vari modi in relazione al tempo che si ha a disposizione. I fogli si possono asciugare all'aria, al sole, sui termosifoni o col phon ma, dovendo produrne in numero elevato e in tempi brevi, ho preferito il forno. Ne ho sistemati 4 - 5 alla volta sulla teglia e li ho messi nel forno a temperatura bassissima e per pochissimi minuti, aspettando solo che la carta si asciugasse.

Infine, ho tagliato i bordi in modo irregolare per aumentare l'effetto invecchiamento. I fogli sono pronti per essere usati.

Per ottenere un colore più scuro, i fogli si possono immergere o spennellare, ad uno alla volta, in un caffè ristretto oppure tamponare con una bustina di thè imbevuta.

La realizzazione delle pergamene è stata fatta a casa. A scuola basterà soltanto procurarsi qualche caffè e farle realizzare ai bambini ad uno alla volta o a gruppi.

I grafemi dell'ebraico

Le lettere dell'alfabeto ebraico non sono come le nostre. Nella stesura di un testo si scrivono solo le consonanti, senza mettere le vocali. Le vocali si pronunciano solo nella lettura. La lingua ebraica è detta “lingua consonantica”, si scrive da destra a sinistra, in senso contrario al nostro.

 ESCAPE='HTML'

Come gli scribi di Qumran

Andiamo alla scoperta della lingua dei Rotoli del Mar Morto. E' la lingua della Bibbia e di Gesù!

E come? Grazie alla Lim e a Google Traduttore! 

Apriamo il motore di ricerca Google ed esploriamo le sue app. Apriamo Google Traduttore. A sinistra impostiamo "Italiano", a destra "Ebraico". Scriviamo i nostri nomi in italiano a sinistra e a destra compariranno in ebraico. La traduzione è scritta sul lato apposto perchè l'ebraico, come abbiamo detto, si scrive al contrario. 

 

Tra grande meraviglia e curiosità scopriamo come si scrivono i nostri nomi in ebraico e li trascriviamo sul quaderno di religione sfidando la difficoltà di scrivere al contrario. Giochiamo traducendoli in altre lingue e comprendiamo l'esistenza di tante lingue e popoli che non conoscevamo. Accanto al nostro nome abbiamo trascritto anche il Tetragramma Sacro, il Nome Proprio di Dio e il digramma di Gesù.

 

Successivamente componiamo, con matita e pennarello nero o marrone,  il frammento di rotolo, di carta invecchiata, con tutto ciò che abbiamo scritto sul quaderno e copiato dalla LIM.

Ora ci aspetterà la Storia della Scrittura di cui la Bibbia è protagonista induscussa!

Giochi didattici

1) CACCIA AI PREZIOSI ROTOLI 

Il percorso sui Rotoli del Mar Morto si apre a molti collegamenti interdisciplinari. Abbiamo tentato anche un collegamento col Coding. La scheda “Caccia ai Rotoli” ci fa improvvisare esploratori attraverso una variante del classico gioco della Battaglia Navale: al posto delle navi si trovano rotoli e giare, gli oggetti di Qumran. Un unico giocatore per classe, che chiameremo “l’archeologo”, dovrà indovinarne la posizione citando numero e lettera posizionati come coordinate, come si fa con la Battaglia Navale.

Vengono distribuite le schede con le coordinate, ogni scheda ha 7 tasselli raffiguranti giare e rotoli da ritagliare. I bambini li posizionano sullo schema a loro piacimento. Il bambino archeologo-esploratore darà le coordinate nel tentativo di “colpire” e quindi trovare quanti più rotoli e giare possibili. Il bambino che avrà perso 3 oggetti prenderà il posto dell’archeologo-esploratore e ricomincerà il gioco. 

Completato il gioco, i bambini incollano gli oggetti sullo schema come vogliono e scrivono il relativo codice come si vede nella foto.

 

2) NASCONDIAMO LA BIBBIA!

E' in arrivo l'esercito romano e distruggerà tutto. Diamo una mano agli Esseni a nascondere i preziosi rotoli. Attraverso le coordinate posizionamo le giare e i rotoli al punto giusto.

 

3) ARRIVERANNO AI ROTOLI?

Segui i Codici indicati nella singola scheda. Gli archeologi arriveranno ai preziosi rotoli?